La pena

Sono stata espulsa dalla bocca dell'Inferno pochi giorni fa.

Danno, ricovero, operazione. Non spiegherò cosa mi è successo, conservo ancora del pudore, per le esperienze personali, per le gioie e i dolori più intimi. Ma credo che, in un mondo dove tutto corre troppo velocemente, dove la gente pensa poco, e trascorre ancor meno tempo con se stessa, per affrontare il sublime e l'orrore della vita, forse, questa mia minuscola tragedia (in confronto a tante altre) può dare un punto di vista Altro. Ed è soltanto per questo che voglio scrivere perché, a mio avviso, sia necessario viverlo, il dolore.

Quanto mi è accaduto era prevedibile. Lo è nella vita di ogni donna. E io ci avevo pensato per anni. A questo e a molto altro ancora. Mi dicevo che, dal momento che miliardi e miliardi di donne come me vivono sulla propria pelle avvenimenti simili, se fossero accaduti proprio a me, me ne sarei fatta una ragione. Non mi considero che un pulviscolo in questo nostro grande mondo, perciò, chi mai sono io per trovarmi immune dinanzi a certe sfortune, ai giochi del destino? Non sono proprio nessuno.

E nonostante tutto questo, nonostante la forza della mente, la ratio, quando la tragedia si abbatte su di te, ti spoglia di ogni singola certezza. Quello che prima mi sembrava una tappa del destino che può capitare a chiunque, quando mi ha colpita si è trasformata in un crudele ghigno infernale. Ero diventata la vittima di una disgrazia che mi tagliava le gambe, mi schiacciava a terra e non c'era nessuno che potesse risollevarmi.

Ho sempre creduto nel potere della conoscenza di se stessi. Conoscere se stessi è il principio, il punto di partenza della vita. Niente è possibile, davvero, se prima non si compie questo iniziale viaggio dentro di sé. Ma quello che mi è accaduto, ha fatto sì che si creasse una crepa, una frattura sul ponte che mi collegava a me stessa, al mio spirito. Sono rimasta per delle ore in un limbo, o meglio, in una stanza di ospedale, sola, incapace di trovare una ragione, una sola per quanto mi stava accadendo.

Poi, dal nulla è arrivata questa infermiera. E come una Madre si è seduta ai piedi del mio letto. Mi ha rassicurata, con parole ripetute centinaia di volte prima di me, ad altre donne, lei che questa sfortuna non l'ha avuta. La guardavo? No, il mio guardo continuava a osservare il muro alle sue spalle. Lei era trasparente. Come ogni altra cosa in quella stanza. Eppure, dal fondo del nulla in cui ero caduta, frammenti di una frase mi hanno raggiunta:

“Succede più spesso di quanto non si creda. C'è chi la chiama selezione naturale. Io penso semplicemente che Madre Natura sappia quello che fa e, quando è possibile, agisca per il meglio della persona”.

Madre Natura.

È stata come una parola d'ordine per il mio spirito. Il ponte si è ricompattato e io ho ritrovato la strada per ricongiungermi a me stessa. E allora la stanza è rimasta vuota, sì, ma per mia volontà. Per giorni i miei amati mi chiedevano perché non volessi troppe visite, perché non volessi generi di conforto, una televisione, qualsiasi cosa? Erano preoccupati per la mia solitudine. Non riuscivo a spiegarlo in alcun modo che quella desolazione era fonte di quiete per me. Mi induceva all'introspezione. A volgermi dentro me stessa, nel silenzio più assoluto. A parlare con la parte più profonda di me, il mio spirito, per cercare una ragione a tutto quello che mi stava accadendo.

Ho pianto. Avevo bisogno di farlo. In quella stanza ho creato un fiume di lacrime e talvolta mi sembrava di poter annegare in esso. A momenti mi capitava di sognare di correre nei boschi di rovere della mia Bosnia, per perdermi nel loro punto più oscuro, come era accaduto a mia nonna Jelica, che da lì non era più uscita, viva. Oppure di gettarmi in mare, affinché le lacrime potessero disperdersi con l'elemento naturale, e io diventare tutt'uno con l'Adriatico, che mi ha vista nascere. Tornare alle origini, insomma, e perdermi in esse.

Ma io non sono abituata a perdermi per tanto tempo. Per anni ho visitato gli anfratti più celati del mio spirito, ho guardato in faccia il dolore, la felicità, la separazione, la rinuncia, la speranza. C'è ancora molto, dentro di me, da esplorare. E questa esperienza me lo ha confermato. Eppure quanto ho già visto ha fatto che sì che potessi rimanere a galla.

Quando soffri per una perdita, quello che succede è che hai pena di te stessa. Hai pena per quell'essere minuscolo che senti piangere, e che a momenti ti sembra estraneo. Poi ti rendi conto che sei proprio tu. E piangi ancora più forte. Per compassione e per rabbia. Per frustrazione e perché non hai più la forza di importi di smettere.

Quando ho smesso davvero? Quando il cuore si è ricongiunto alla ragione. Quando cioè, quello che la razionalità mi aveva sempre detto è stato accettato anche dal mio spirito. Puoi cercare di consolare una persona per quello che ha perso per ore, giorni, mesi o anni. Quella persona ti potrà anche dire: ho capito, ma continuare a versare lacrime. Non lo fa perché è stupida, o perché finge di aver compreso quello che le stai dicendo. Lo fa solo perché, come ogni essere umano su questa terra, l'uomo è fatto di spirito e mente. E se le due parti non si trovano d'accordo, se l'una non accetta l'altra, la sofferenza non può cessare.

Nel mio caso, anche se volevo uscire da questo dolore con dignità, era il corpo a tradirmi. Il corpo, che mutava, che soffriva, che mi rinfacciava quello che era successo. Che mi abbandonava. Che dal sogno, dalla gioia mi ributtava indietro, al punto di inizio.

Adesso è passata. Ho accettato. E anche il mio corpo si sta riassestando. I giorni che sono seguiti alle nere ore del 18 giugno, li ho presi come un'esperienza, analizzando e ascoltando tutto minuziosamente, dentro e fuori. Come sempre, mi è servito per comprendere molte nuove cose e ad avere la conferma di altre.

A cominciare dal fatto, come se ce ne fosse bisogno, che quando la pena ti colpisce, non devi schivarla. Non devi fare finta di niente, ubriacarti, volgere lo sguardo altrove. Il modo più concreto e sano per affrontare una perdita, un dolore, è quello di affrontarlo, scendere dentro se stessi e ascoltarsi. Nel silenzio più assoluto, nella solitudine ascoltare quello che ti sta accadendo e imparare. Imparare la lezione che ti è stata offerta.

Ci sono miliardi di modi di vivere questa esistenza, ma si riducono a due, alla fine. Opporti a quello che non puoi cambiare, oppure accettarlo. Nel primo caso la sofferenza non avrà fine, e ti ritroverai a domandarti ossessivamente perché, perché, perché, fino allo sfinimento. Con conseguenze talvolta nefaste. La seconda ti consente di integrare il dolore, di accettarlo, farne tesoro e andare avanti.

Come diceva Nietzsche: “Quello che non ti distrugge, ti fortifica”.


Il percorso è tutt'altro che semplice e la scelta è individuale.

Commenti

  1. every person individually, a world. you powerful look at life, like it.

    RispondiElimina
  2. Ogni persona affronta il dolore in modo differente, e alla fine quel che conta è il risultato. Purtroppo, le persone, e generalizzo, si lamentano per niente, ma è giusto che sia così (discorso troppo lungo).
    Ti auguro un milione di in bocca al lupo!:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo di aver intuito il discorso 'troppo lungo'. Ti abbraccio, grazie!

      Elimina
  3. siamo ancora individualmente liberi di scegliere e - soprattutto - di versare lacrime, a torto verso noi stessi o a ragione verso qualcun'altro incapace di ascoltare. Leggo il tuo blog, un post alla volta. Il mio vecchio blog è un crogiuolo di emozioni variamente saldate fra loro. Troppo nero e troppo bianco. E il cielo per converso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora proverò a leggere anche io il tuo vecchio blog, vediamo un po' cosa ne penso :-)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Recensione: “Attraversare i muri – un'autobiografia” di Marina Abramovic'

Recensione: “Sangue impuro” di Borislav Stankovic'