Anno nuovo, diario e varie vecchie e nuove

Che bella cifra il 2015. Forse perché la somma dei primi due numeri fa 3, e l'ultimo è un 5 e sono tutti numeri che mi piacciono molto. Ma non voglio scrivere per dare i numeri (e ripetere le parole)!

Scrivo perché, anche se sul fronte letterario sono ferma -con un romanzo ancora da editare posso permettermelo- in verità ho il piacere di continuare a farlo sul blog e sul diario.

Quest'anno parto con un pezzo da cartoleria Ikea:


Molto bucolico, con questa fanciulla dai lunghissimi capelli, che dondola su un'altalena in mezzo al bosco. Mi ispira sia perché posso colorarlo all'esterno seguendo i miei gusti, sia perché all'interno è tutto bianco:


e io adoro scrivere seguendo linee immaginarie, cercando di essere più precisa possibile.
Ho scelto una penna viola, perché è il mio colore preferito, ed è spirituale e molto introspettivo.

E poi la ragazza della copertina è un vezzo con un altro fine: da “giovane” ero così:


Perciò i miei capelli erano lunghi lunghi, biondo oro. Allora avevo 21 anni. Ora che ne ho 35 e che, dopo la gravidanza mi sono vista cadere intere ciocche e disperarmi per essermi rovinata una chioma così importante, fortunatamente ho incontrato farmaciste e care amiche che mi hanno saputa consigliare e così i miei capelli, che negli anni sono diventati castani come quelli della mia mamma, hanno ripreso la loro consistenza, il vigore e la voglia di crescere come un tempo. Insomma, non so se li lascerò nuovamente arrivare tanto in là, ma potrebbe accadere.


Anno nuovo, rituali e vezzi vecchi e nuovi, proprio così!

Commenti

  1. Complimenti per i capelli ,ma sono sicura che anche ora sei bellissima.Olgica

    RispondiElimina
  2. Grazie mia cara. Sulla bellezza non ti so dire, ma sui capelli sì. Continuo a curarli molto!

    RispondiElimina
  3. Carissima, ancora un'incredibile coincidenza (ma a siccome le coincidenze non esistono a me piace pensare affinità di spiriti affini) io sto scrivendo il mio diario-pensieri sullo stesso identico quaderno!
    Carissimi saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessante! Allora buona scrittura anche a te.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Recensione: “Attraversare i muri – un'autobiografia” di Marina Abramovic'

Recensione: “Sangue impuro” di Borislav Stankovic'