Un mese di "passione"

Certo non mi riferisco a quel genere di passione... ho trascorso l'ultimo mese ad arrancare tra raffreddore, tosse, insonnia, carie, gengiviti e altri dettagli portati dalla gravidanza che non sarebbe elegante citare qui! Insomma, se all'inizio della gestazione mi sono mancate nausee e altri disturbi, in queste ultime settimane ho recuperato.

Però in tutto questo ho cercato di trovare il lato positivo. Il raffreddore mi ha aiutata a continuare a impegnarmi su quello che era realmente necessario, ma a imparare a rallentare sul resto. Ho visto l'insonnia come una prova generale per le poppate notturne del mio piccolino, quindi una bella preparazione a quanto mi aspetta prossimamente. E per quanto riguarda i danni ai denti, beh, evitare i miei adorati dolci diminuiva i dolori lancinanti -soprattutto notturni- perciò ho cercato di puntare soprattutto sulla frutta. Risultato: bilancia ferma sugli stessi chili da un mese. Se le mie amiche, parenti e compagne di studi mi assicurano che l'ultimo trimestre è quello dove si aumenta di più, ho capito che continuando questa dieta bilanciata potrò raggiungere l'obiettivo di far crescere il mio bambino come deve, con tutti i nutrienti necessari, senza però compromettere troppo la mia linea.

Insomma, nella vita ci sono infiniti modi di vivere. Io ho cercato di trovare il risvolto costruttivo anche in questo periodo di dolori.


E in tutto questo, una settimana fa ho iniziato il corso di yoga per mamme in attesa e mi sono trovata benissimo. Era proprio una di quelle mattinate post-insonnia dovuta alla gengivite. Quasi quasi non trovavo le forze per vestirmi e uscire in macchina. L'ho fatto sia perché era da tanto che aspettavo di iniziare il corso, sia perché a realizzarlo è una mia cara amica, una maestra bravissima. Sono entrata in un ambiente zen, molto intimo. Mi è stata offerta una tisana di frutti di bosco e l'ora che ho trascorso tra asana e meditazione mi ha riportata in vita. Non sembrava nemmeno trascorsa un'ora: ho avuto l'impressione che si trattasse di un tempo infinito. Ho provato un grande benessere, ho sentito il mio bambino muoversi con dolcezza dentro di me, insomma, sono stata inondata da tante tenere emozioni tutte insieme.

Non so davvero cosa mi riserveranno le prossime settimane, ma sono intenzionata a proseguire su questa via: presenza, consapevolezza e perseveranza.


Commenti

  1. Spero che tu stia meglio... ad ogni modo, lo yoga è "magico" e quindi non ti farà di certo male ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh sì, fa benissimo sia a me che al mio piccolo. Lo sento fortemente :-)
      Quanto al come sto... tipo in una lavatrice. Accesa ^^'

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Recensione: “Attraversare i muri – un'autobiografia” di Marina Abramovic'

Recensione: “Sangue impuro” di Borislav Stankovic'