Scoppiare di creatività


E niente, parlandone con un'amica, credo che sarebbe cosa buona aprire un sito internet dove iniziare a vendere le mie idee creative. A peso d'oro!

Scherzi a parte, da settimane subisco un tale bombardamento di ispirazioni da non riuscire quasi più a trascriverle. Anche perché si tratta di idee trasversali: dalla scrittura alla pittura, dalla creazione di accessori al merletto e così via. Ieri sera, per esempio, a forza di scrivere sulla mia Moleskine gli spunti per un corso che mi è stato chiesto di aprire, ho terminato una penna Bic iniziata due giorni prima.

Di questo passo i miei dubbi sulla riuscita della realizzazione di tutte queste idee diventano sempre più evidenti. Mi servirebbero non una, ma due o tre vite.

Però non voglio stressarmi. Voglio dire, è come per gli accumulatori seriali: si sentono in colpa per tutto quello che sono riusciti a comprare in decine di anni, questi beni materiali gravano su di loro pesantemente. Io non voglio finire così, schiacciata dalle mie ispirazioni e non voglio sentirmi in colpa per quelle che lascio indietro, così ho sviluppato una strategia di sopravvivenza: per esempio, ho deciso di provare a scrivere almeno un libro all'anno, ognuno in modo diverso.

Dunque, seguite il mio ragionamento: ho tantissimi soggetti da sviluppare, tutti stipati nelle mie Moleskine. Sulla tabella di marcia c'è segnato che devo scrivere “Tempora d'inverno”, il seguito del mio ultimo romanzo. Tuttavia è un'opera che l'editore pubblicherà tra circa due anni. Ecco, allora nel frattempo posso scrivere un altro romanzo. E perché non farlo sperimentando una tecnica di scrittura vera e propria? Ovvero, prendendo letteralmente alla mano un volume di scrittura creativa e seguendone il percorso segnato? Non l'ho mai fatto. Ho sempre scritto di getto tutte le mie storie, per poi revisionare a lungo, certo. Ma non ho mai scelto un sentiero di scrittura rigoroso, faccio parte della vecchia scuola: scrivere, scrivere e soltanto scrivere... Ecco, ho deciso di battere un nuovo percorso, per questa nuova storia. Poi deciderò cosa fare con la prossima.

E per tutte le altre idee? Per fortuna sono nata e cresciuta in Friuli Venezia-Giulia, dove il motto è: plac e bèn (piano e bene), quindi no ansia, no panico, Keep calm and just create!!!

Buon Equinozio di Primavera e Buona Pasqua a tutti.



Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione: “Attraversare i muri – un'autobiografia” di Marina Abramovic'

Recensione: “Sangue impuro” di Borislav Stankovic'