Al mare. Sì, anche col vento


Fedele al mio desiderio vitale di contatto con il mare, l'ho raggiunto anche questa domenica, nonostante un vento che ti colpisce in ogni parte del corpo.
Ciò nonostante, qui si trovano pescatori, barcaioli e velisti. Insomma, chi come me ama il mare, non si fa intimidire da certe condizioni atmosferiche.





Certo ci sono più difficoltà e disagi. Devi cercare un minimo di riparo e, almeno per me, che mi trovo sugli scogli, le postazioni sono scomode e... piene di punte acuminate! Bisogna stare attenti che non volino via cappelli, teli da spiaggia, scarpe e quant'altro. E poi ammetto che il vento fiacca il corpo. Ti investe, ti tormenta e sembra svuotarti della linfa vitale. Neanche lo stessi sfidando.

In borsa ho un interessante saggio storico, ma riuscire a mantenere la concentrazione ora, non è possibile. Perciò ho ripiegato su una lettura di intrattenimento, un urban fantasy con la Baba Yaga delle favole russe, trapiantata in America!



Sì, oggi è sfiancante, per niente comodo, ma il disagio è soltanto fisico. Perché, come sempre, il mio spirito, a contatto con il mare, si rigenera, riacquista energie ed è pronto per affrontare di nuovo il mondo, le sue difficoltà e sfide. E poi, stare qui ora, dona una sensazione di malinconia. Intorno ci sono pochissime persone, tutte con la fronte corrugata e attente a stringersi bene addosso la giacchetta e il cappello. L'acqua si infrange sugli scogli intorno a me, ogni tanto le bollicine raggiungono i miei piedi nudi e sembrano volerli sedurre.
Il mare chiama.
Il vento canta.
E' malinconia. Ma una malinconia dolce e commovente.






E poi torni a casa, e c'è Upupa che ti saluta crogiolandosi al sole!


Commenti

  1. Che meraviglia vivere vicino al mare...ma sai quante volte che sogno di vivere in una casa al mare??? Non vedo l'ora di esserci, anche se solo per una settimana!Vengo a Jesolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro, fai del tuo meglio per venirci questa estate. E io ci trascino Tony stavolta!

      Elimina
  2. Ho letto quel libro: mi è piaciuto tantissimo!!! :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda Niv, non me lo aspettavo così intrigante. E soprattutto al di fuori dei soliti schemi. E' proprio vero che non bisogna essere prevenuti!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il serpente cambia pelle

Recensione: “Attraversare i muri – un'autobiografia” di Marina Abramovic'

Recensione: “Scandalose” di Cristina de Stefano