Impegno e razionalità

In questi giorni, e per diverse settimane, avrò tanto bisogno di tenermi impegnata. Non fissarmi sul dubbio e sulla paura mi permetterà di occuparmi di ciò che di più prezioso c'è in me, in questo momento, senza provocare danni.

Per queste ragioni mi sto dedicando alla maglia, con regali natalizi come questo:


I manicotti di lana di alpaca rossa e lamè argento per una mia bella amica pianista.

O mi rifugio in cucina per preparare i Biscotti di Pan di Zenzero tipici del periodo natalizio, soprattutto per i popoli scandinavi:


Il prossimo step è quello di terminare un maglione e tornare a dipingere. Voglio scegliere un altro soggetto della Wiener Secession. 

Certo, ieri rivedere la professionista che mi sta seguendo, mi ha aiutata e rincuorata. Mai come in questo momento la mia parte razionale mi mantiene ferma e stabile, mi impedisce di crollare. Insomma, per citare uno dei miei telefilm e una delle mie scrittrici preferite (Elif Shafak): in questo momento ho bisogno di attivare la parte di me che più somiglia a Temperance Brennan.

Commenti

  1. Le distrazioni sono la cosa migliore... ;)
    Al di là delle parole... ti auguro tanta serenità.

    Buone feste e un caldo abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Solstizio d'Inverno è stato molto dolce. Spero che per te lo siano tutti questi giorni.
      Un abbraccio, Anyanka!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il serpente cambia pelle

Recensione: “Attraversare i muri – un'autobiografia” di Marina Abramovic'

Recensione: “Scandalose” di Cristina de Stefano