Rabbia

Soltanto due giorni fa postavo su Facebook questa canzone bellissima e molto indicativa:


ed ecco che la ragione si è resa evidente appena il giorno seguente. Chi dice che le premonizioni siano sempre positive, perché ti aiutano a reggere l'impatto degli shock e dei problemi, forse ha avuto sempre e soltanto premonizioni positive. Non ne ha avuto di negative o, forse, peggio, di sospese, incerte, corrosive.

Mi ritrovo in un limbo. Nell'attesa di una risposta che arriverà, forse, a metà febbraio. E nel frattempo dovrò affrontare un mese e mezzo di lacrime, rabbia, sofferenza e incertezze. Mie e altrui.

E mi domando, se non avessi raggiunto un equilibrio interiore tanto agognato, cosa ne sarebbe stato di me. Cosa ne è di tutte quelle donne che vivono la mia stessa situazione e non hanno la forza interiore che io mi sono guadagnata?

Scrivo e piango, per sfogarmi. In solitudine, quando posso permettermi di farlo senza turbare e far soffrire gli altri. Ora è necessario farlo, svuotarsi nuovamente, del senso di rabbia e ingiustizia che di nuovo mi colpisce.

Sono abituata così: prima mi lascio investire da tutto il dolore possibile, senza risparmiarmi niente. Dopo, da sotto le rovine cerco uno spiraglio di luce, un indicazione per uscirne. E allora ricostruisco. Di nuovo.

Non è qualcosa che mi spaventi. Mi è accaduto fin troppe volte. Sono abituata alle tempeste. Sono abituata anche a lunghi giorni di sole.

Ma ora è tempo di dedicarmi alla discesa negli inferi. Andrò giù, giù, fino a quando non avrò toccato il fondo.

Commenti

  1. In bocca al lupo per tutto. Nonostante non ci conosciamo, ti stringo forte!

    Un abbraccione
    Simona

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Recensione: “Attraversare i muri – un'autobiografia” di Marina Abramovic'

Recensione: “Sangue impuro” di Borislav Stankovic'