Da Vulcano, a Tsunami, a... Bara?!


Tranquilli, non sono impazzita. Per lo meno, non ancora. Il punto è che sono talmente bombardata da stimoli, progetti e attività, lavoro, impegni e studi, che stare dietro a tutto sta diventando molto impegnativo e pesante, in termini di stanchezza psico-fisica. Per ora ci sto riuscendo, ma sembra che da Vulcano, il mio attuale soprannome, mi stia trasformando in Tsunami. Il mio dubbio è che da Tsunami finisca direttamente dentro una Bara. Che mi auto-elimini, insomma.

Urge un'aggiustatina alla situazione.

Magari è la volta buona che imparo davvero a meditare.

Il problema è trovare il tempo per farlo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il serpente cambia pelle

Recensione: “Attraversare i muri – un'autobiografia” di Marina Abramovic'

Recensione: “Scandalose” di Cristina de Stefano